Alla vigilia del Bovimac, Acma fa un quadro della situazione

Alla vigilia della ventesima esposizione del Bovimac, la più importante rassegna mantovana per i commercianti di macchine agricole, il presidente di Acma-Confcommercio Mantova fa il punto della situazione. “Il commercio di macchine agricole – spiega Stefano Raimondi – è un settore fortemente altalenante, che segue le salite e le discese di quello agricolo, dove la crescita o il calo del fatturato è fortemente condizionato dal prezzo dei cereali per la monocoltura e del latte per quanto riguarda la zootecnia. Insomma, il mercato è davvero ballerino. E ovviamente solo se l’azienda agricola guadagna, decide poi di investire in nuove attrezzature”. Cosa rappresenta il Bovimac per i commercianti di macchine agricole? ”Si tratta della rassegna espositiva più importante, perché cade in un periodo, quello invernale, dove la campagna è pressoché ferma e gli imprenditori agricoli decidono le politiche di acquisto dell’azienda. La maggior parte del fatturato lo facciamo proprio in questo mese dell’anno” continua Raimondi. “Alla fiera ci aspettiamo un’affluenza pari a quella dell’anno scorso. La crisi ha investito anche il mondo agricolo, ma in misura molto inferiore rispetto ad altri comparti, per quanto riguarda il nostro settore si parla infatti di un calo contenuto al -10%. La rassegna è riservata ai commercianti mantovani, e ai rivenditori e costruttori che però non hanno concessionari nella nostra provincia. In tutto, sono 30 le imprese espositrici, che presentano il panorama pressoché completo della produzione meccanica del settore. In questo modo – precisa il presidente Acma – difendiamo lo spirito campanilistico di questa rassegna, voluta trent’anni fa dalle tre associazioni mantovane del settore – Ama, Acma, Apima”. Ci sono nuove tendenze sul mercato? “Diciamo che l’evoluzione del mercato è rappresentata da macchine dove la componente informatica è sempre più forte, e che necessitano di personale sempre più qualificato, sia dal punto di vista dell’operatore che le utilizza sia per quanto di nostra competenza per le attività post-vendita, di assistenza e riparazione”.