Il maltempo ha danneggiato commercianti, venditori ambulanti e pubblici esercizi

Le pessime condizioni meteorologiche degli ultimi tre mesi, con temperature ben al di sotto della media stagionale e precipitazioni incessanti, hanno colpito non solo il settore moda, ma anche il comparto dei sistemi di condizionamento e il settore degli articoli per l’esterno, il commercio ambulante e quello dei pubblici esercizi con plateatico e locali stagionali all’aperto. E’ questo il bilancio, dopo tre mesi di pioggia, di Confcommercio Mantova. Come denunciato qualche settimana fa da FederModaMantova, infatti, le temperature insolitamente rigide e le continue precipitazioni hanno bloccato le vendite di capi primaverili ed estivi, con il risultato che i saldi inizieranno (6 luglio) quando la stagione degli acquisti si sarà appena aperta. Fanno eco i commercianti che operano su aree pubbliche: “negli ultimi tre mesi abbiamo registrato una consistente flessione delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, siamo attorno al -20% con punte del -26% -  dichiarano – la pioggia ha ovviamente disincentivato l’afflusso ai mercati ambulanti”. Infine, anche i pubblici esercizi che hanno tavolini e dehors all’aperto e i gestori dei locali (risto-bar) stagionali denunciano una stato di sofferenza dovuto al maltempo: freddo e precipitazioni – affermano – non hanno di certo invogliato le persone a sedersi e consumare all’aperto”.