La guida turistica può esercitare in tutta Italia. Dalla sentenza del Consiglio di stato "chiarezza e buon senso"

La guida turistica può esercitare in tutta Italia. Dalla sentenza del Consiglio di stato "chiarezza e buon senso"

La guida turistica può esercitare, senza limitazioni, sull’intero territorio nazionale. E’ la conseguenza immediata della recente sentenza del Consiglio di Stato che ha cassato i decreti ministeriali sull’abilitazione specifica delle guide per siti protetti e con criteri territoriali. Una sentenza che fa chiarezza e conferma le previsioni di Confguide Confcommercio, la sigla che rappresenta le guide turistiche abilitate, indicando linee guida che coincidono con quelle alle quali dal 2013 l’associazione si è ispirata nelle sue proposte normative al Mibact.

“Si tratta di una sentenza di buon senso – dichiara Alessia Margonari, presidente di Confguide-Confcommercio Mantova -  E’ giusto avere un elenco dei siti protetti, ma questi devono essere pochi e controllabili per un  serio contrasto all’abusivismo, che registriamo anche nella nostra provincia. I paletti territoriali e le complicate procedure di abilitazione specifica, vengono aboliti dalla sentenza, non avrebbero tutelato con efficacia le guide turistiche italiane e mantovane”.

Ora Confguide Confcommercio punta a nuova fase d’ascolto e di confronto con il Ministero: “il Mibact riveda i decreti tenendo conto delle indicazioni del Consiglio di Stato e si superino gli squilibri regionali che danneggiano l’operatività delle guide turistiche”. Ma occorre velocizzare i tempi: “la situazione di incertezza che ha fortemente caratterizzato il quadro normativo degli ultimi anni danneggiai professionisti, gli utenti e gli stessi beni monumentali storico-artistici”.

Sono 14 i siti di particolare interesse storico, artistico e archeologico individuati dal Ministero nella nostra provincia, per i quali era prevista una specifica abilitazione: solo a Mantova sono nove (Basilica di Sant’Andrea, Duomo, Museo Archeologico Nazionale, Museo di Palazzo Ducale e Castello di San Giorgio, Palazzo d’Arco, Palazzo Te e Museo Civico, Rotonda di San Lorenzo, Teatro Scientifico dell’Accademia, Tempio di San Sebastiano), oltre ai quattro di Sabbioneta (Chiesa della Beata Vergine Incoronata, Palazzo Ducale, Palazzo Giardino e Teatro all’antica) e al Monastero e Basilica di Polirone a San Benedetto Po.