Federalberghi-Confcommercio Mantova: da gennaio ad aprile forte incremento degli arrivi (+20%) e delle presenze (+25%) negli hotel

Federalberghi-Confcommercio Mantova: da gennaio ad aprile forte incremento degli arrivi (+20%) e delle presenze (+25%) negli hotel

Per le strutture alberghiere della città e dell’hinterland i primi quattro mesi del 2016 hanno portato ottimi risultati, i migliori degli ultimi anni. A rivelarlo è un’indagine condotta da Federalberghi-Confcommercio Mantova, che rappresenta 9 hotel della città su 12, per un totale di 330 camere su 440 (il 75%) e 687 posti letto su 882 (77,89%), oltre ai principali alberghi dei comuni limitrofi su cui si riversa la domanda dei turisti in visita alla città-capoluogo.

I dati sono stati presentati mercoledì 18 febbraio nel corso della conferenza stampa svoltasi in Comune con il Sindaco di Mantova Mattia Palazzi, il Presidente della Sezione Cittadina di Confcommercio Mantova Stefano Gola e il Presidente di Federalberghi Confcommercio Mantova Gianluca Bianchi.

 

I risultati dell’indagine

Dallo studio emerge che nel periodo compreso dal 1° gennaio al 30 aprile 2016, rispetto allo stesso quadrimestre dello scorso anno, si è registrato un incremento degli arrivi* pari al 20,47% e un +25,68% delle presenze turistiche**. Aumenta leggermente anche la permanenza media (il rapporto tra il numero di presenze e il numero di arrivi) che da 1,45 passa a un giorno e mezzo (1,51).  Si tratta di una crescita che in termini rappresenta 5455 clienti in più per un totale di 9914 notti trascorse negli alberghi. Un giro d’affari che ammonta a circa 420mila euro (421.345), se si considera che il prezzo medio per una doppia (la tipologia di camera più venduta) è di 85 euro.

 

Le cause

“La crescita delle presenze alberghiere della città nei primi quattro mesi del 2016 – osserva il sindaco Mattia Palazzi - è di gran lunga superiore alla media nazionale. Un risultato straordinario che ci stimola a fare ancora di più e meglio. Il 25 per cento in più di presenze significa economia e lavoro per la città. Se a questo dato sommiamo il 39% in più di ingressi nei musei capiamo che ogni euro investito in Mantova Capitale ne sta producendo molti altri per il sistema città.  E’ fondamentale accogliere bene i turisti e migliorare la qualità del sistema di accoglienza, sia privato che pubblico. L'obiettivo è far tornare chi sta scoprendo Mantova”.

Quali sono i fattori che hanno determinato la crescita turistica?

“Tra i fattori responsabili di questo incremento – spiega il presidente di Federalberghi-Confcommercio Mantova Gianluca Bianchi – al primo posto c’è sicuramente il riconoscimento di Capitale Italiana della Cultura, con l’eco mediatica e la grande visibilità che ne derivano.

Ma anche il ricco cartellone eventi che prevede appuntamenti di grande qualità e attrattività, la sensibilità dimostrata dall’attuale Amministrazione verso il tema del turismo, con una forte attenzione all’immagine della città e al decoro del centro storico, oggetto di importanti interventi di riqualificazione. Da non dimenticare un contesto macro-turistico favorevole, che vede il nostro Paese registrare ottime performance in termini turistici”.

Secondo il Barometro del Turismo elaborato da Federalberghi in collaborazione con EBNT (Ente Bilaterale Nazionale Turismo), infatti, nel primo trimestre 2016 (gennaio-marzo)  in Italia si sono avuti risultati positivi per tutti gli indicatori: +5,3% le presenze alberghiere, +1,9% dei lavoratori occupati in hotel e +6,8% il traffico aeroportuale da gennaio a marzo, nonché +3,8% le spese turistiche degli stranieri in Italia nel 2015 e +13,5% i visitatori dei musei.

 

Il contributo a Mantova Capitale Italiana della Cultura e al territorio

L’Associazione ha finanziato la realizzazione di 25mila copie di cartine turistiche della città e della provincia, che presto andranno in ristampa per altrettante copie, per un totale di 50mila mappe. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Mantova.

“Si tratta di un piccolo contributo per migliorare l’accoglienza turistica dei clienti e dei visitatori, e per far conoscere non solo il capoluogo, ma le tante bellezze sparse sul territorio provinciale” commenta Bianchi. Con il supporto dell’azienda tipografica PubliPaolini di Mantova e la preziosa collaborazione dell’Associazione Guide Turistiche Rigoletto aderente a Confcommercio Mantova, abbiamo realizzato questo prodotto facile, intuitivo e fruibile, che dà spazio anche al territorio provinciale. Sul retro, infatti, è riportata una selezione dei luoghi e dei monumenti di maggior interesse turistico, da Sabbioneta Patrimonio mondiale dell’umanità ai comuni che vantano il riconoscimento di Borghi più belli d’Italia”.

Sulla mappa sono presenti, oltre al logo di Mantova Capitale Italiana della Cultura, anche il QR code che permette di consultare il programma di Mantova Capitale e quello per scaricare l’app ‘Terre di Mantova’ della Provincia. Inoltre sono indicate le strutture ricettive associate a Federalberghi, perché spesso gli stessi hotel svolgono una funzione di primo punto informativo. “Consegniamo le cartine anche a chi non è un nostro cliente e non lo diventerà, perché magari in visita in giornata. E’ un gesto semplice di buona accoglienza”.

 

MantuaFriends

E a proposito di accoglienza, Stefano Gola, presidente della Sezione cittadina di Confcommercio, ricorda il progetto MantuaFriends, ideato da Confcommercio Mantova con il sostegno e la collaborazione della Camera di Commercio di Mantova per dare ai visitatori della Capitale Italiana della Cultura un’offerta turistica di eccellenza.

“Abbiamo in programma iniziative di formazione, pacchetti turistici, percorsi culturali e un decalogo che garantisce il rispetto dei principi prioritari per una città che vuole consolidare la propria vocazione turistica” - spiega Gola - “Questo progetto si rivolge alle imprese del turismo e del commercio: ristoranti e pubblici esercizi, strutture ricettive, esercizi commerciali, agenzie di viaggio e guide turistiche”.

 

La sfida

“La nostra città sta vivendo un nuovo rinascimento, la città intera e i suoi operatori sono in fermento - dichiara il direttore di Confcommercio Mantova Nicola Dal Dosso - Nascono nuove idee, collaborazioni, iniziative e finalmente si riscopre l’orgoglio di essere mantovani, per un salto di qualità che eleggerà Mantova a destinazione turistica a tutti gli effetti. Con Mantova Capitale della Cultura 2016 stiamo vivendo un’esperienza straordinaria, e un altro anno altrettanto speciale ci attende nel 2017, quando saremo Regione Europea della Gastronomia”.

 

* Numero di clienti arrivati, distinti in residenti e non residenti in Italia, che hanno effettuato il check-in nell’esercizio ricettivo nel periodo considerato

** Numero delle notti trascorse dai clienti negli esercizi ricettivi nel periodo considerato