Mantova, terra di Guide turistiche: ecco l'identikit della professione tra turismo e cultura

Mantova, terra di Guide turistiche: ecco l'identikit della professione tra turismo e cultura

Sono l’anello di congiunzione tra il turismo e la cultura, destinate perciò a essere protagoniste nell’anno di Mantova Capitale della Cultura 2016: sono le guide turistiche, a cui Confguide Confcommercio ha dedicato la prima indagine nazionale, presentata questa mattina alla BIT di Milano.

Dallo studio emerge come la nostra provincia sia una di quelle con il maggior numero di guide turistiche: ben 153, dato che pone Mantova al terzo posto in Lombardia, preceduta solo da Milano (417) e Brescia (166). Mantova supera anche le città d’arte limitrofe, come Verona (130), Parma (93), Ferrara (150) e Cremona (61). E la nostra Regione è la quarta in Italia per numero di guide turistiche (1.389), dopo Lazio (3.439), Toscana (2.347) e Puglia (1.513).

Dall’indagine Confguide-Confcommercio emerge anche l’identikit della guida turistica: il 70% ha un’età media compresa tra i 31 e i 50 anni; l’83,5% ha un’elevata preparazione culturale, con lauree in discipline interenti la conservazione e la tutela dei beni culturali, in storia dell’arte, archeologia e lingue straniere; 9 su 10 esercitano effettivamente la professione e nel 50% dei casi si tratta dell’attività primaria, svolta in misura prevalente.  

Un identikit confermato dalle Guide Turistiche Rigoletto di Confcommercio Mantova, e a cui si affianca anche quello della clientela.
Al primo posto ci sono le scolaresche, seguite da gruppi di adulti, sia italiani che stranieri; al terzo posto, ma in significativa crescita, ci sono i piccoli nuclei composti da famiglie, coppie, gruppi di amici – spiega il presidente Leonardo Catalano -. Il 60% della clientela è di nazionalità italiana e arriva soprattutto dalle altre province lombarde e dalle regioni limitrofe, ma stiamo registrando un forte incremento di richieste da parte di visitatori del centro-sud Italia. Gli stranieri rappresentano il 40%: al primo posto i tedeschi, seguiti da inglesi e francesi. Il lavoro arriva tramite agenzie di viaggi, tour operator, associazioni culturali e anche dai singoli”.

Lo studio di Confguide-Confcommercio tributa la giusta importanza alla nostra professione, che permette al visitatore di apprezzare appieno il patrimonio culturale, storico-artistico, naturale ed anche enogastronomico della nostra città: per questo puntiamo a lavorare in un’ottica di sinergia con gli altri attori del comparto turistico – aggiunge Catalano –. Non mancano le criticità, come la concorrenza da parte di operatori abusivi che contrastiamo con forza, e la non continuità del lavoro in conseguenza della stagionalità del turismo mantovano: a fronte di mesi molto intensi in primavera, estate e autunno, in inverno il calo della domanda è drastico. Problemi antichi, cui facciamo fronte con l’aggiornamento professionale continuo, con la convinzione che solo un alto livello qualitativo può rendere la visita guidata alla città un’esperienza ad alto valore aggiunto per il turista”.

E proprio per regalare a turisti e mantovani un saggio della loro abilità, in occasione della Giornata Internazionale della Guida, sabato 20 e domenica 21 febbraio le Guide Turistiche Rigoletto offriranno un itinerario gratuito alla scoperta delle perle di Mantova.
Il ritrovo è alle 16 davanti all’ingresso di Palazzo Ducale, per gruppi di massimo 30 persone; prenotazione obbligatoria al numero 0376 368917.